Carver Lab

A Luca Quarin, Veronica Chiossi e Andrea Giansanti la XVIII edizione del Contropremio Carver

La diciottesima edizione del Contropremio Carver ha assegnato - dopo una diretta social - i premi del 2020. Andrea Giannasi, creatore del premio e direttore della giuria, ha presentato le "ragioni" della selezione per i titoli delle tre sezioni.

"Storia, memoria, desiderio di intrecciare fili con il passato che possano permetterci - ha ricordato Andrea Giannasi - una visione del futuro e soprattutto stile veloce, asciutto, immediato, sono alcune delle ragioni che hanno portato alla scelta finale. Tanti i libri in selezione - come ogni anno - e tantissima la qualità, che di anno in anno cresce sempre di più. Per la narrativa cinque libri che incastrano storie e personaggi, grandi e piccole vicende, tagli dolorosi per rifiutare il mondo e cuciture altrettanto dolorose per capire cosa è realmente accaduto. Il Novecento declinato in ogni forma con lo scopo di tendere la mano e accogliere i lettori in veri e propri esercizi di lettura. Anzi forse sarebbe meglio dire: di lettura che dalla forza della scrittura emerge come flusso potente e a tratti inarrestabile. Note positive anche per la poesia, che grazie ad una nuova generazioni di autrici e autori sta finalmente tornando ad indagare le cicatrici e le crepe intorno e dentro di noi, smettendo di essere compitino e riduzione scolastica. Finalmente al contropremio Carver è stata letta della Poesia. Per la saggistica la giuria ha voluto giocare il grande azzardo delle multiformi declinazioni della ricerca. Dunque ampio spazio ai temi del mondo. Ma non solo quello geopolitico. Al centro delle letture anche il mondo interiore, della scoperta delle ingiustizie, ma anche dei profondi amori, così come delle dilanianti follie.

Per tutto questo abbiamo premiato per la narrativa il libro "Di sangue e di ferro" di Luca Quarin (Miraggi); per la poesia la raccolta "Candeggina" di Veronica Chiossi (Ensemble); per la saggistica la ricerca "Sviluppo locale Europa nazionalismi" di Andrea Giansanti (Goware). Il premio speciale della giuria è andato a "Seizeronove. Galeoni e galeotti. Quando la letteratura diventa la cura" di Adolfo Ferraro (Homo scrivens).

E ora al lavoro per l'edizione numero XIX - ha concluso Andrea Giannasi - di un premio che è veramente contropremio, perchè si leggono i libri senza guardare al nome dell'autore o al marchio editoriale. E negli anni il Carver ha dimostrato di aver capito molto visto che tanti premiati poi hanno felicemente e brillantemente intrapreso la strada del mondo della scrittura".
Il bando dell'edizione 2021 - la segreteria è curata da Prospettiva - è già stato pubblicato sul sito: www.contropremiocarver.it e su http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_cms=12&controller=cms

***

Il video della presentazione e premiazione 2020:
https://youtu.be/eFog1MwuBeY

***

Ad Alessandro Carlini, Dario Pontuale e Alessandro Trionfetti il Contropremio Carver 2019 XVII edizione

Sono stati assegnati a Lucca presso il Caffè letterario e libreria i premi della diciassettesima edizione del Premio Letterario Carver. Meglio conosciuto come "contropremio" che da anni consegna un unico riconoscimento per la narrativa, la poesia e la saggistica, senza guardare il nome dell'autore o il marchio editoriale. Vengono premiati i libri dopo attenta lettura della giuria coordinata da Andrea Giannasi.
L'evento, al quale hanno partecipato molti lettori e tutti i finalisti del Carver, si è svolto con la presentazione e la conoscenza degli autori e delle autrice e al termine sono state consegnate le targhe. Nella sezione narrativa il Carver è andato a Partigiano in camicia nera di Alessandro Carlini (Chiarelettere). Per la saggistica il primo premio va a La Roma di Pasolini di Dario Pontuale (Nova Delphi). Nella poesia il contropremio Carver 2019 è andato a Algoritmi lirici di Alessandro Trionfetti (Eretica).
 

In finale per la narrativa erano arrivati anche:

L’ultima mano di Burraco di Serena Venditto (Mondadori)

Sotto un cielo di bombe di Eugenia Di Guglielmo (Scatole parlanti)

Gli occhi degli orologi di Giorgia Spurio (Il Camaleonte)

Stile loft di Ilaria Sicchirollo (Nulla die)

 

Per la saggistica facevano parte della cinquina finalista anche:

Pediatri e bambini. I maestri della pediatria italiana raccontano a cura di Giancarlo Cerasoli e Francesco Ciotti (Maggiori)

La grande guerra di Italo Svevo. La scoperta di una fonte letteraria ignota de “La coscienza di Zeno” di Dario Malini (ArteGrandeGuerra)

Angelo Fortunato Formiggini. Ridere, leggere e scrivere nell’Italia del Primo Novecento a cura di Matteo Al Kalak (Artestampa)

I precursori dell’ambientalismo. Storia e cultura del Movimento Giovanile Tedesco di Domenico Palermo (Libellula)

 

In poesia erano giunti in finale:

La castità di Andrea Bassani (Ensemble)

Parole povere di Anna Martinenghi (Linee infinite)

Paesaggio con ossa di Lella De Marchi (Arcipelago itaca)

Sisma di Gianluigi Miani (Fondazione Mario Luzi).

 

 

Il nuovo bando sul sito www.contropremiocarver.it